Uncharted 4: Fine di un Ladro Recensione

Compra su Amazon

uncharted-4-logo-ita

INTRODUZIONE

Quante volte abbiamo aspettato un gioco per mesi o addirittura anni e poi siamo rimasti con l’amaro in bocca ? Sicuramente troppe. Anche gli sviluppatori di Uncharted 4 si sono fatti attendere continuando a rimandare l’uscita del gioco di diversi mesi. Finalmente l’attesa è giunta al suo termine e possiamo giocare a quel capolavoro annunciato che le nostre Playstation 4 non vedevano l’ora di far girare sui nostri schermi.
Spesso affrontare una spesa di 69€ per l’acquisto di un gioco ci fa pensare e ripensare più volte se vale davvero la pena spendere i nostri soldi per un videogioco che in poche ore finisce e viene riposto nella vetrinetta o rivenduto nel mercato dell’usato con l’amaro in bocca.

uncharted-4_drake-sully-vistaCAPOLAVORO

Per fortuna Uncharted 4 è davvero un Capolavoro con la C maiuscola che vi terrà incollati per circa 15 ore di gioco e se vi state ancora chiedendo se acquistarlo, non perdete altro tempo a leggere questa mia recensione e tuffatevi a occhi chiusi a comprarlo, che vi piaccia il genere o no, se avete una Playstation 4 dovete assolutamente vivere l’avventura di Natan Drake perchè i Naughty Dog, dopo 3 capitoli della serie Uncharted, hanno tirato fuori dal cappello una trama con i fiocchi che vi terrà incollati allo schermo fino alla fine, con colpi di scena spettacolari, grafica mozzafiato che vi farà mettere il gioco in pausa diverse volte perchè spesso non crederete ai vostri occhi che un videogioco sia arrivato a un tale dettaglio grafico nelle scene di gioco.
A impressionarvi non sarà solo la grafica ovviamente, ma è l’insieme che rende il tutto magico, dal level design, alle scene da Film che vivrete in prima persona, ai suoni riprodotti sempre con dei bassi pomposi che più volte mi hanno fatto togliere le cuffie perchè sembrava di essere in mezzo a una guerra.E’ davvero difficile trovare qualcosa che non va a questo gioco, a partire dai caricamenti, che tolto quello iniziale sono praticamente inesistenti come Naughty Dog ci ha ormai abituato da diversi anni.

uncharted-4_drake-sully-stairsPREMESSA

Ma andiamo con ordine, chi sono i Naughty Dog ? La mia memoria storica li ricorda dall’uscita della prima Playstation con il bellissimo Crash Bandicoot, in realtà hanno iniziato a sviluppare i primi giochi nel 1985, ma la loro fama è arrivata grazie a questo gioco che li ha tenuti impegnati dal 1996 al 1999 sulla prima Playstation. Con la Playstation 2 dal 2001 al 2005 sono passati alla famosa serie di Jak and Daxter, per poi tuffarsi su Playstation 3 con il debutto di Uncharted nel 2007, gioco che li ha fatti decollare nella gloria di qualsiasi videogiocatore Playstation, sfornando un capolavoro dietro l’altro, chiudendo in bellezza il ciclo di vita di Playstation 3 con The Last Of Us, altro capolavoro premiato da qualsiasi mezzo stampa per arrivare fino a oggi con la loro uscita su Playstation 4 con l’ultimo capitolo che chiude un Franchise che potrebbe entrare di diritto in libreria tra i migliori romanzi d’avventura, come potrebbe benissimo uscire al cinema con le sue scene mozzafiato che ti tengono sempre con l’adrenalina al massimo.

uncharted4GIOCABILITA’

In uncharted 4 infatti sarà difficile annoiarsi, non è mai ripetitivo se non per le interminabili scalate, ma che sono sempre belle da affrontare perchè portano sempre a delle viste mozzafiato e appagano il giocatore con scene d’azione che non possiamo raccontare per evitare di svelarvi i contenuti del gioco.
Abbiamo voluto finire tutto il gioco prima di iniziare a scrivere la recensione di Uncharted 4 e non ho voluto leggere nessuna recensione online per evitare di farmi influenzare dagli altri redattori ed essere il più imparziale possibile.
E’ anche difficile dare un voto alla recensione, perchè qualche piccolo difetto il gioco ce l’ha, ma sono talmente piccoli davanti a tutto il resto della sua bellezza, che si devono per forza di cosa perdonare. Sto parlando di qualche problemino audio nel doppiaggio in italiano con voci che risultano troppo basse rispetto agli effetti sonori, ma che per fortuna si verificano in pochissime fasi del gioco, se vogliamo dirlo in percentuale direi che succede nel 2, forse 3% del gioco a esagerare, mentre gli altri problemi sono di framerate un po’ sofferente in alcune fasi di gioco che si fanno assolutamente scusare dalla bellezza grafica che ci circonda e dal fatto che sono quasi impercettibili ai meno sgamati. Alcuni amici che mi guardavano giocare non se ne accorgevano neanche su mia indicazione.

uncharted-4_truck-street

Il bello di Uncharted 4, è che c’è di tutto, dalle sparatorie in stile Gears Of War, all’esplorazione in stile Tomb Raider, alle scalate in stile Assassin’s Creed.
I puzzle da risolvere non sono mai difficili, ma richiedono comunque un po’ di impegno e di logica, se ci si trova in difficoltà, il personaggio che vi seguirà durante l’avventura vi aiuterà fornendovi degli indizi a voce o posizionandosi davanti a un punto da scalare o a un’azione da compiere e se siete da soli il gioco dopo un po’ che vi vedrà girare a casaccio, vi proporrà di premere la croce direzionale SU per avere un aiuto del punto da raggiungere.

LA STORIA

Tre anni dopo gli eventi di UNCHARTED 3: L’inganno di Drake, Nathan Drake sembra essersi lasciato alle spalle il mondo dei cacciatori di tesori. Tuttavia, l’avventura bussa nuovamente alla sua porta quando il fratello Sam torna da lui e gli chiede disperatamente di salvarlo, proponendogli un’avventura che Nathan non potrà rifiutare.

Le indagini sul tesoro perduto del capitano Henry Avery porteranno Sam e Drake verso Libertalia, l’utopica città dei pirati nascosta nel cuore delle foreste del Madagascar. UNCHARTED 4: A Thief’s End accompagnerà i giocatori in un viaggio intorno al mondo, tra isole avvolte nella giungla, centri urbani e vette innevate alla ricerca del tesoro di Avery.

Anche se non avete mai giocato ad Uncharted, potete tranquillamente iniziare dal 4 capitolo della serie, non vi rovinerete quasi niente della storia di Nate e dei suoi amici.

La recensione di Uncharted 4 di ItaliaVideogiochi Click to Tweet

Il gioco inizia con Nathan ed Elena che hanno deciso di vivere una vita tranquilla mettendo su casa insieme e abbandonando le avventure di Nate nelle ricerche dei tesori che lo hanno sempre accompagnato fino a oggi. Nonostante le buone intenzioni di Nate, l’apparizione di suo fratello Sam, che crede ormai morto da 15 anni, lo spinge a uscire di nuovo di casa per andare alla scoperta della leggendaria città pirata di Libertalia.
Non vi volgiamo dire niente di più per non rovinarvi l’avventura, vi basti sapere che date queste premesse, vi serviranno circa quindici ore di gioco per completare i 22 capitoli che compongono la storia di Uncharted 4, capitoli che potete vedere tutti per intero sul nostro canale YouTube e che vi porteranno in giro per il mondo con una varietà incredibile, passando anche per la nostra amata penisola.

Come accennavamo in precedenza Uncharted 4 è un gioco esplorativo, non open-world, anche se lascia comunque molta libertà di esplorazione, con nuove meccaniche di gioco come il rampino, che permette di raggiungere luoghi altrimenti irraggiungibili, il chiodo da roccia, che ci permette di aggrapparci sulle rocce, le scivolate nei burroni, i salti nel vuoto, l’utilizzo del vericello per portare la nostra jeeep dove non può andare normalmente.
Uncharted è anche pieno come sempre di meccanismi da attivare e rompicapo da risolvere per poterli attivare, in questo ultimo capitolo della serie sono anche molto più grandi e simili al primo Tomb Raider, con marchingegni da risalire e attivare saltando nei tempi e nei modi giusti, sempre aiutati dagli indizi che si svelano mano a mano nel nostro amato diario.

I combattimenti sono stati nettamente migliorati, anche grazie all’introduzione del rampino, ci saranno molte sezioni stealth con nuove opportunità di piombare dall’alto sui nemici, senza dimenticare l’utilizzo di armi di vario genere, dalle classiche bombe, ai mitra, fucili a pompa e chi più ne ha più ne metta.

uncharted4_combattimentiPER CONCLUDERE

Sono anni che non mi divertivo così tanto con un gioco d’avventura, ultimamente ho giocato anche a Rise of the Tomb Raider che è sicuramente il suo primo rivale da cui deve confrontarsi per forza di cose.
Alla fine ognuno dei due giochi ha i suoi punti di forza e devo dire che mi sono piaciuti tutti e due, tanto che entrambi li sto rigiocando, ma Uncharted riesce a catturarmi di più per la sua trama accattivante che ti tiene li davanti allo schermo con la voglia di sapere come va a finire, mentre Lara tutta questa voglia di continuare a giocare non me la mette addosso, vuoi per alcuni livelli davvero lunghi da affrontare che dopo un po’ annoiano e ti fanno venir voglia di andare a letto.
Con questo non voglio certo dire che Tomb Raider sia brutto, anzi, ma Uncharted è riuscito a incollarmi e a non farmi staccare fino alla fine.
Se state ancora leggendo e avete dei dubbi, be… vi consiglio di guardare le offerte su Amazon, perchè in questi giorni c’è anche la versione con la statuetta di Nate in super offerta e io un gioco così non me lo perderei per niente al mondo.

Buon Divertimento.

E voi cosa ne pensate di questo gioco ? Lo avete finito ? State ancora aspettando l’offerta del secolo ?
Scrivetecelo nei commenti

 

 

Good

  • La regia, il livello artistico, i dettagli grafici e le ambientazioni sono a livelli incredibili
  • Gameplay molto migliorato e più avvincente rispetto ai capitoli precedenti
  • Musiche e sonoro sono da Oscar
  • La storia ti attrae e non ti scolla dalla Play fino alla fine

Bad

  • Il multiplayer per il poco che ci abbiamo giocato potrebbe non avere un grande successo
  • Il doppiaggio in italiano non è ai livelli di quello inglese
  • Qualche difettuccio di frame rate trascurabile nelle scene più affollate
  • Il livello dell'audio in alcuni discorsi è troppo basso
9.5

DISTINTO

Grafica - 10
Sonoro - 9.5
Giocabilità - 9
Longevità - 9.5
Wolf76 ama i videogiochi e la tecnologia in generale. Dal 29 settembre 1995 segue Sony nel mondo Playstation e dal 14 Marzo 2002 entra nel magico mondo di Xbox diventando uno dei suoi maggiori fan. Entra a far parte della cerchia degli Xbox People e fa di tutto per promuovere la sua amata console. Diventa moderatore della sezione Xbox di Multiplayer.it e da Ottobre 2012 crea cocobelo.it e da Marzo 2016 ItaliaVideogiochi.it

Lost Password

Send this to friend

Vai alla barra degli strumenti